Alta ristorazione italiana a Siracusa
Successo per la Guida Euro-Toques

Posted by Euro-Toques Italia on 14 marzo 2016 in NEWS

La presentazione della guida Euro-Toques Italia 2016 a Siracusa è stata l’occasione per celebrare il ruolo del cuoco come ambasciatore del territorio, e sostenere l’importanza della sostenibilità ambientale. Grande successo per la cena di gala firmata dai cuochi Euro-Toques, che hanno presentato al meglio le eccellenze locali

Siracusa ha risposto con grande entusiasmo alla presentazione della Guida Euro-Toques Italia 2016. Dopo il successo dell’evento di Milano, e considerato l’interesse degli operatori del settore, oltre alle migliaia di richieste ricevute, la guida è sbarcata in Sicilia. L’evento è stato organizzato da Maurizio Urso, segretario generale di Euro-Toques e chef del ristorante “La Terrazza sul Mare” del Grand Hotel Ortigia di Siracusa, che per il trentennale dell’unica associazione di cuochi riconosciuta dall’Unione Europea, ha portato sull’isola il gotha della cucina italiana e internazionale, con l’obiettivo di dare lustro a un territorio dalle mille potenzialità e per allargare la “famiglia Euro-Toques” a nuovi iscritti.

Euro-Toques_Tavola-Rotonda-Siracusa Maurizio Urso, Luigi Franchi, Teresa Gasbarro, Enrico Derflingher, Clara Minissale, Alberto Lupini ed Elsa Mazzolini

«L’intero consiglio direttivo di Euro-Toques riunito qui a Siracusa – dichiara Urso – rappresenta un grandissimo evento, non accadeva da almeno 15 anni, segno che anche il sud ha ancora tante potenzialità ancora da sfruttare. Ad oggi abbiamo 11 chef siciliani associati ma il trend è in crescita. Nei prossimi anni puntiamo a raddoppiarne il numero».

Due i momenti salienti della giornata: la tavola rotonda, nei saloni della Camera di commercio di Siracusa, e la cena di gala al Grand Hotel Ortigia. La tavola rotonda curata da Enrico Derflingher, presidente di Euro-Toques Italia e International, e moderata da Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola, ha visto la partecipazione di Teresa Gasbarro, assessore alle Attività produttive, agricoltura e pesca oltre che delegata Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori di vino) di Siracusa, Elsa Mazzolini, direttore de La Madia, Clara Minissale, giornalista di Cronache di Gusto, Luigi Franchi, caporedattore di Sala & Cucina, Giovanni Politi direttore di Gustonews.it e Salvatore Leone, direttore di Naturalmente Siciliano, consorzio per la commercializzazione di prodotti ortofrutticoli aderente a Confcooperative Sicilia.

Diversi gli argomenti affrontati, tutti però legati all’importanza del ruolo dei cuochi come ambasciatori del territorio nonché quello della sostenibilità ambientale. Uno dei problemi più stringenti è invece l’assenza di normative adeguate che tutelino realmente il patrimonio agroalimentare made in Italy. Si pensi per esempio al recente aumento delle importazioni di olio d’oliva tunisino, a danno delle produzioni nazionali di assoluta eccellenza.

L’assessore Gasbarro, nel ringraziare Euro-Toques per questo interessante momento di dibattito, ha sottolineato l’evoluzione della città negli ultimi anni: «Siracusa ha finalmente preso consapevolezza delle proprie potenzialità, soprattutto dell’altissimo livello di cucina realizzata da numerosi professionisti. Per questo auspico che, a breve, possa arrivare la prima Stella Michelin in città». «Una stella che – come ribadito anche da Clara Minissale – può modificare in positivo l’economia di una città. Anche se dobbiamo ancora migliorare dal punto di vista delle strutture ricettive che, a volte, sono un po’ carenti».

Altri poi i temi affrontati dal presidente Euro-Toques Enrico Derflingher che ha ribadito il ruolo strategico degli chef come ambasciatori del territorio: «In Sicilia terra di numerosi presidi e di ingredienti unici, i cuochi devono diventare sempre più protagonisti della promozione del territorio e, in particolare, di tutti quegli alimenti, pane, pasta e verdure, ma anche i vini e l’olio e le altre eccellenze, in grado di dare una spinta importante anche a livello economico».

Alberto Lupini ha poi sottolineato che c’è tanto potenziale: «Si deve attivare un dialogo continuo tra le istituzioni e gli attori principali del territorio per favorire le esportazioni agroalimentari italiani che, solo per fare qualche numero, rappresentano ¼ di quelle della Germania».

Tra gli altri interventi anche quello di Salvatore Leone presidente del Consorzio di Promozione Naturalmente Siciliano che ha confermato la trasformazione dell’economia italiana e siciliana: «È un dato di fatto che l’industria agroalimentare italiana abbia scalzato quella metalmeccanica come motore portante della nostra economia per cui oggi i cuochi hanno l’onore e l’onere di essere i rappresentanti sul territorio di questo settore, oggi primario, della nostra economia. I tempi sono cambiati: recentemente abbiamo promosso i nostri prodotti in Canada mentre la prossima meta saranno gli Emirati Arabi, dove c’è una forte richiesta di prodotti made in Sicily. E così dopo la conquista degli arabi in Sicilia, oggi sono i nostri prodotti a conquistare i principali mercati mediorientali».

A chiudere l’incontro gli interventi di Luigi Franchi che ha sottolineato l’indissolubilità del rapporto tra chef e territorio: «Il legame cuoco-territorio, soprattutto al sud, rappresenta un’identità viva e forte. Non c’è uno chef che va via dal sud senza portare con se i prodotti locali, diventando così, di fatto, degli “agenti culturali del territorio”, a cui, grazie anche a un senso dell’ospitalità innata è affidato il compito di raccontare il vissuto dei piatti e la storia e le qualità degli ingredienti».

Tavola-Rotonda-Euro-Toques
Ultimo intervento infine quello di Elsa Mazzolini che ha messo però in guardia sui rischi della sovraesposizione mediatica di alcuni chef: «Se la comunicazione indugia esclusivamente sulle qualità del personaggio c’è il rischio di perdere un’opportunità importante, quella di parlare del territorio. I cuochi, pertanto, saranno in grado di muovere turismo e commercio solo se riusciranno a spostare l’attenzione sulle qualità e sull’eccellenza dei prodotti e non esclusivamente sulla propria figura».

Si è lamentata inoltre una grave mancanza di regole anche a proposito delle recensioni online di hotel e ristoranti, con il portale TripAdvisor che non tutela in alcun modo i locali onesti e finisce per incentivare pratiche scorrette di concorrenza sleale, con false recensioni positive (per scalare più rapidamente le classifiche, imbrogliando) o negative (per penalizzare i locali concorrenti). Un problema grave, di cui Italia a Tavola si sta occupando da diversi anni (anche attraverso la campagna #NoTripAdvisor contro anonimato, false recensioni e classifiche truccate), e che adesso è finito anche, finalmente, sul tavolo del Governo.

E più cresce il “far west” delle recensioni online, più le guide tradizionali perdono interesse e credibilità, anche perché, come hanno sottolineato i relatori del convegno, sempre meno danno il giusto valore alla ristorazione del territorio. In alcuni casi, ad esempio, laddove ci sono ristoranti stellati il turismo funziona di più; mentre in altri casi, viceversa, troviamo zone, come la Romagna, in cui il turismo funziona bene nonostante non vi sia alcun ristorante stellato.

A seguire si è svolto un aperitivo curato da Alessandro Circiello, membro del consiglio direttivo e tesoriere di Euro-Toques Italia. L’aperitivo ha seguito la linea del benessere, della sana alimentazione attraverso il cibo del territorio. La cena di gala è stata opera dei cuochi Euro-Toques, ed è stata realizzata grazie al contributo delle aziende: Longino & Cardenal, Sanpellegrino, Naturalmente Siciliano, Robo, Domus Hyblaea, Campo dell’Oste. Tra gli ospiti dell’evento, patrocinato dal Comune di Siracusa, anche i cuochi Euro-Toques della Sicilia e altri membri dell’associazione, soprattutto del Sud Italia oltre ai rappresentanti di istituzioni, associazioni ed enti di categoria.

Menu cena di gala

Antipasto
Scooby – doo di Alici con farcia di “Beccafico” su spuma di Cavolo Vecchio di Rosolini, Wafer al cacio Ragusano e sesamo.
Chef Maurizio Urso – Ristorante La Terrazza sul Mare Siracusa – www.laterrazzasulmaresiracusa.it
Voria Porta del Vento vino “Sur lie” (100% Catarratto) – www.portadelvento.it

Scooby - doo di Alici con farcia di “Beccafico” su spuma di Cavolo Vecchio di Rosolini, Wafer al cacio Ragusano e sesamo

Primo
Risotto Carnaroli Campo dell’Oste con Gambero Rosso di Mazara, pomodoro Pachino e Timo.
Chef Enrico Derflingher.
Catarratto Porta del Vento (100% Catarratto) – www.portadelvento.it

Risotto Carnaroli Campo dell’Oste con Gambero Rosso di Mazara, pomodoro Pachino e Timo

Fuori Programma
Busiate al Pesto Trapanese
Chef Giuseppe Triolowww.gustosiciliano.com
Frappato Piano Grillo (100% Frappato) – www.pianogrillo.it

Busiate al Pesto Trapanese

Secondo
Trancio di Rombo scottato su passata di “Matalotta” e crema di patate al finocchietto selvatico.
Chef Salvo Calleri – Ristorante Regina Lucia – www.borgiadelcasale.it
Cerasuolo di Vittoria Piano Grillo “Curva Minore” (60% Nero d’Avola – 40% Frappato ) – www.pianogrillo.it

Trancio di Rombo scottato su passata di “Matalotta” e crema di patate al finocchietto selvatico

Pre Dolce
Crema di Limone Siracusano con Mentuccia
Chef Enrico Derflingher
Moscato Don Nuzzo Gulino (100% Moscato) – www.cantinegulino.it

Crema di Limone Siracusano con Mentuccia

Dolce
Cannoli siciliani
Chef Giuseppe Triolowww.gustosiciliano.com

Credito foto: Blitz Studio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *