Niko Romito

romitoNon è un iter tradizionale quello di Niko Romito: mentre i genitori gestiscono una piccola trattoria a Rivisondoli in Abruzzo, lui studia economia a Roma. Solo quando il padre si ammala, torna con la sorella Cristina per portare avanti l’attività di famiglia.
Da autodidatta si diletta tra corsi e stage, coltivando un’idea di cucina tradizionale centroitaliana, capace di travolgere con quel suo gusto autentico. Le cose poi cambiano: l’impegno, insieme alla passione, cresce e lo chef matura uno stile culinario più raffinato, capace di dare forma a piatti all’avanguardia. Il risultato? Due Stelle Michelin, una nel 2007, l’altra nel 2009, che celebrano la capacità di nobilitare quei prodotti, immagini chiare dell’eccezionalità del territorio abruzzese.
Quando gli viene offerta la direzione del Bulgari Restaurant a Tokyo rifiuta, decidendo di investire nella sua attività; sposta così il suo Ristorante Reale Casadonna a Castel di Sangro e grazie ad una cucina sempre più consapevole, creata in collaborazione con i fornitori locali, viene insignito della terza Stella Michelin nel 2013. È la realizzazione di un sogno per Romito, ma, come ama sottolineare, più un punto di partenza che d’arrivo. Difatti, insieme al suo Reale, porta avanti la Niko Romito Formazione, dedicata al mondo della ristorazione e dell’alta cucina, e il progetto “Spazio”, nei vecchi locali di Rivisondoli, dove i suoi studenti, aspiranti chef, possono calarsi nella vera ottica del lavoro tra i fornelli e in sala.

***

Niko Romito, from Castro di Sandro (Aq), class of 1974, has run the Royal restaurant since 2000 with his sister Cristiana. A broker who got waylaid, he became a self-taught cook, deeply bound to his territory, and in just 7 years he won 3 Michelin stars, with major awards in Italy and abroad, including 84th place in the 50 World’s 50 Best Restaurants 2016 and the award for the “Dish of the Year”, with the maximum score of “5 Hats” in the Espresso 2017 guide. In 2011 Romito transferred the Reale from Rivisondoli to Castel di Sangro, to a former monastery of the 1500s,’Casadonna’: there he also inaugurated a hotel boutique and a professional cooking school. In 2013 he founded Space, a network of restaurant-laboratories run by school graduates, unveiled in Italy. In 2016 he presented the “IN-Intelligenza Nutrizionale” project, an innovative scientific food protocol designed for collective catering, starting with hospitals, in collaboration with the Giomi Group and the La Sapienza University of Rome. In 2017, the Reale restaurant entered the World’s 50 Best Restaurants. In Romito entrepreneurial instinct and gastronomic sensitivity are inseparable. Dishes are now instantly associated with the chef like “l’Assoluto di cipolle, parmigiano e zafferano tostato, Piccione fondente e pistacchio, Verza e patate” demonstrate that through an unremitting endeavour Romito traverses the path of essentiality, balance and taste. In a few years he managed to create a strong and personal culinary language, completely free from obvious references. Of Abruzzo, he says, “my luxury is to live and work here.”

Ristorante Reale Casadonna
Località Piana Santa Liberata – 67031 Castel di Sangro (AQ)
Tel +39 0864 69382
info@ristorantereale.it
www.ristorantereale.it

Verza e patate (foto di Brambilla Serrrani)