Bergamo, solidarietà dei ristoratori
per i medici in prima linea

I posti letto sono al completo, tutti i medici al lavoro da giorni senza sosta. La situazione all’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo, in queste settimane di emergenza da coronavirus è drammatica, come e più di altre strutture sanitarie in Lombardia, dove si registra il picco dei contagi.

 

In aiuto al personale medico dell’ospedale sono scesi in campo i ristoratori bergamaschi, con iniziative dedicate proprio al sollievo dei dottori del Papa Giovanni XXIII nei pochi momenti di pausa del loro estenuante lavoro a contatto con i malati. L’ultima in ordine di tempo è quella della famiglia Panattoni, titolare della Marianna di Colle Aperto, che insieme ad alcuni fornitori (Bevande Nesossi, Caffè Poli, Forno Adobati, Salumi Bombieri) offre quotidianamente cento pranzi al sacco e un caffè ai dipendenti sanitari dell’ospedale.

Tra coloro che si stanno adoperando in questo periodo per donare il loro contributo a medici e sanitari, c’è anche Umberto De Martino, chef del ristorante una stella Michelin Florian Maison di San Paolo d’Argon (e socio Euro-Toques) che ogni giorno prepara colazioni e pranzi ai volontari della Croce Rossa Italiana.

Nei giorni scorsi privati cittadini e ristoratori della città hanno consegnato piatti caldi e freddi e bevande all’ingresso del Papa Giovanni XXIII, destinati proprio ai medici che lavorano in questo periodo senza sosta tra le mura dell’ospedale della città.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.